Warning: Declaration of aec_contributor_list::form() should be compatible with WP_Widget::form($instance) in /web/htdocs/www.legambiente.emiliaromagna.it/home/wp-content/plugins/ajax-event-calendar/inc/widget-contributors.php on line 64
Ritirato il progetto della discarica di Baricella | Legambiente Emilia-Romagna APS

Articoli

Ritirato il progetto della discarica di Baricella

Arriva dal basso la strada per la corretta gestione dei rifiuti in Regione.

Festeggiamo assieme ai cittadini di Baricella ed al Comitato contro l’ampliamento della discarica, il ritiro da parte di Hera del progetto di ampliamento.

Arriva oggi la notizia che Hera ha deciso di ritirare la proposta di ampliamento della discarica di rifiuti speciali nel Comune di Baricella. Dopo una battaglia durata anni, festeggiamo assieme ai cittadini ed al comitato costituitosi contro il progetto di ampliamento, la vittoria raggiunta oggi.

Un caso simbolo di come la società civile abbia combattuto per il rispetto degli obiettivi fissati dai decisori politici, battendo logiche puramente speculative che troppo spesso vediamo declinate dai grandi gruppi che gestiscono il business dei rifiuti in Emilia-Romagna”.

Nonostante normative nazionali e regionali che indicano come tasselli fondanti dell’Economia Circolare la riduzione del rifiuto e la massimizzazione del riciclo; nonostante si indichi come priorità la chiusura delle discariche e la diminuzione del numero degli inceneritori, anche in questa occasione la politica ha dimostrato l’incapacità nel governare le scelte delle grande multiutilty che dovrebbero servire gli interessi pubblici, ma che mostrano invece interesse esclusivamente nei confronti dei propri azionisti.

Questa grande vittoria dimostra come un cambio di passo nel governo del territorio potrebbe ribaltare le logiche di gestione dei servizi pubblici, a partire da quello dei rifiuti. Il fatto che cittadini ed associazioni ambientaliste abbiano svolto, in maniera vittoriosa, il ruolo abdicato dalla politica locale e regionale, se da una parte evidenzia ancora una volta la debolezza a tutti i livelli dell’attuale classe dirigente, dall’altra è un forte segnale di un cambiamento possibile e non più rinviabile.